L’itinerario comincia da Rimini (Arco d’Augusto), e lungo la strada Marecchiese va verso l’interno, tra le dolci colline dell’entroterra. A S.Martino dei Molini ci si dirige nord fino a Santarcangelo di Romagna. Si può fare una deviazione verso la costa, in direzione di Bellaria, o dirigersi subito nell’entroterra, verso Poggio berni, Verucchio e Villa verucchio, Torriana, Monte bello. Si passa poi alla Valconca, con Montescudo, Montecolombo, Gemmano, Montefiore conca, Mondaino, Montegridolfo, San giovanni in Marignano. Si può poi fare una sosta a Riccione, infine ritornare a Rimini. I prodotti tipici dell’area sono il formaggio di fossa ed il pecorino, l’olio extravergine ottenuto da varietà autoctone (DOP Colline di Romagna), i salumi di mora romagnola e le carni bovine di razza romagnola, i mieli pregiati ed i vini. L’olivicoltura è presente nel territorio riminese già dall’epoca villanoviana. In quest’area si può gustare la piadina romagnola riminese. Diversa dalle altre piadine perché più sottile e – per gli estimatori – più fragrante. Tra i vini non può mancare il sanguigno Sangiovese, anche associato a Cabernet o a vitigni autoctoni come Verucchiese e Marzabino. Numerosi i vini bianchi: Trebbiano Romagnolo, Biancame e Rebola sia in purezza che con il Chardonnay e Sauvignon. I vini sono compresi nella DOC “Colli di Rimini”.